Progetto #NELLARETE# – Prevenzione del disagio giovanile tra i 16 e i 25 anni

Ragazzi abbracciatiI Comuni dell’Ente d’Ambito Sociale Distrettuale n. 11 – Frentano, di cui Castel Frentano fa parte, hanno approvato il Progetto #NELLARETE#, finalizzato alla prevenzione del disagio e promozione del benessere dei giovani in età compresa tra i 16 e i 25 anni.

Le finalità del Progetto, realizzata attraverso relazioni singole o aggregate, è quella di prevenire il consolidarsi e cronicizzarsi di situazioni a rischio, in particolare le varie forme di dipendenza.

Nello specifico, la progettazione prevede l’attivazione di un servizio di Educativa Territoriale svolto principalmente nei luoghi di maggiore aggregazione del target di riferimento. A Castel Frentano, nelle giornate del 3 e 11 settembre 2021, n. 2 educatori professionali, muniti di cartellino di riconoscimento, saranno presenti con una postazione riconoscibile, indicativamente collocata presso la Villa Comunale con facoltà di spostarsi in altri centri di aggregazione giovanile, negli orari compresi tra le ore 21.30 e 01.30.

“La grave emergenza Covid”, afferma l’assessore alle politiche sociali Antonella Massimini, “ha esasperato i problemi. Il disagio giovanile c’era anche prima, oggi è diventato quasi insostenibile. Solitudine, emarginazione, paura sono l’oggetto delle segnalazioni raccolte dal mondo giovanile durante la pandemia da coronavirus. L’allerta sul sostegno psicologico delle persone più vulnerabili è alta, e, tra queste, una fetta importante è costituita dai c.d. “giovani adulti”: anche le Nazioni Unite hanno lanciato un monito, con la presentazione delle linee guida sulla salute mentale e il covid-19, esortando gli Stati membri perché dessero impulso alle azioni globali per la Salute Mentale”.

“Ancora una volta l’Amministrazione Comunale di Castel Frentano”, ribadisce il Sindaco, Gabriele D’Angelo, “si fa promotrice di un progetto di prevenzione del disagio giovanile e della devianza sociale in tutte le sue forme le cui attività, lo sottolineo, sono incluse nei Livelli Essenziali di Assistenza socio-assistenziali, introdotti nell’ordinamento giuridico italiano dalla legislazione socio-sanitaria (Legge n. 328/2000), i quali garantiscono un sistema di prestazioni e servizi sociali idonei a garantire, alle persone, ed alle famiglie, qualità della vita e cittadinanza sociale, nonchè pari opportunità e tutela ai soggetti più deboli”.

Menu